top of page
  • Immagine del redattoreGiusi Pintori

Un gradito sollievo per l'idrosadenite direttamente dall'American Accademy of Dermatology Association


La biologia dell’idrosadenite suppurativa (HS, hidradenitis suppurativa), nota anche come acne inversa, non è sempre compresa, il che ha limitato fino ad ora lo sviluppo di terapie efficaci per questa condizione infiammatoria cronica della pelle predominante tra le donne e molto pesante anch eper la popolazione maschile. I recenti progressi terapeutici includono nuove terapie e terapie chirurgiche e laser ambulatoriali.


"La sessione di sabato, S033 – Hidradenitis Suppurativa/Acne Inversa (HS/AI): attuale gestione medica e chirurgica ,svoltasi all'American Accademy of Dermatology Associa, negli Stati Uniti, punto di riferimento per tutto il mondo, a portato un'attenzione rinnovata alla condizione e alla speranza per i pazienti con l'idrosadenite suppurativa", ha affermato il direttore della sessione Haley Naik, MD, FAAD, professore associato di dermatologia presso l'Università della Scuola di Medicina della California, San Francisco (UCSF).

"Con i recenti progressi nel campo, ora ci sono diverse terapie nuove ed efficaci che sono approvate dalla FDA, in fase di approvazione, o altrimenti disponibili per la cura di questa popolazione di pazienti svantaggiati", ha affermato la dottoressa Naik. 


Serio e complesso

L'HS può presentarsi come noduli e ascessi profondi, tunnel dermici drenanti e cicatrici fibrotiche più comunemente nelle aree intertriginose, come le sedi ascellare, inguinale, perianale, perineale e sottomammaria. Il Dr. Naik e un gruppo di esperti hanno fornito una panoramica dell'epidemiologia, dell'eziologia e delle comorbidità dell'HS, nonché degli ultimi progressi nelle terapie mediche e chirurgiche e laser per l'HS, compreso come accedervi per i pazienti e come garantire che i tuoi pazienti si sentano sicuri nel provare questi trattamenti

"Comprendere il percorso del paziente, individuare gli obiettivi del trattamento e aiutare i pazienti a orientarsi nel sistema sanitario sono fondamentali per prendersi cura dei pazienti con HS", ha affermato il dottor Naik, che fornisce cure specialistiche ai pazienti con HS nel contesto della Clinica per l'Hidradenite Suppurativa dell'UCSF. , da lei fondata nel 2016. 


Applicazioni

Per supportare i dermatologi nel fornire cure aggiornate ai loro pazienti con HS, i relatori hanno presentato dati clinicamente rilevanti su nuove terapie per l’HS, tra cui la terapia secukinumab recentemente approvata dalla FDA e terapie con inibitori non biologici e non di piccole molecole che si dimostrano promettenti per l'HS, nonché per la gestione del dolore e le procedure ambulatoriali. Hanno anche evidenziato le terapie che ci si può aspettare di vedere in arrivo fra un anno circa, tra cui i nuovi inibitori dell’interleuchina (IL)-17, IL-1 e Janus chinasi (JAK) per il trattamento dell’Idrosadenite Suppurativa. 


Intervengono gli esperti

Il simposio prevedeva anche le presentazioni dei relatori

Ra'ed Alhusayen, MD, MSc, FAAD, "Epidemiologia e comorbidità dell'HS;"

Leandra Alicia Barnes, MD, FAAD, "Ottimizzazione della visita clinica HS;"

John Frew, MBBS, IFAAD, "Patofisiologia dell'HS;"

Daniel Mark Klufas, MD, FAAD, "Procedure chirurgiche ambulatoriali per l'HS;"

Tiffany Mayo, MD, FAAD, “Superare le barriere all’accesso terapeutico;”

Robert Micheletti, MD, FAAD, "Gestione medica dell'HS con farmaci biologici e inibitori di piccole molecole";

Lauren Orenstein, MD, FAAD, "Gestione del dolore dell'HS"


Collettivamente, i relatori hanno discusso gli strumenti per accedere agli ultimi nuovi trattamenti per le persone che vivono con l'HS, come secukinumab, e come utilizzare in modo efficace le terapie per l'HS esistenti, tra cui infliximab, ertapenem e farmaci biosimilari.

I partecipanti hanno inoltre fornito una tabella di marcia per coordinare la cura di complesse condizioni di comorbilità in collaborazione con le cure primarie e le specialità tra cui chirurgia, servizi di gestione del dolore, servizi di consulenza, reumatologia, ostetricia e ginecologia e altri.


Non siamo mai stati in una posizione così favorevole

Sebbene il simposio sull'Idrosadenite Suppurativa dell'AAD sia in corso da oltre un decennio, questi recenti progressi lo rendono un momento particolarmente opportuno per mettere l'HS sul radar, ha affermato il dottor Naik. 

“Non siamo mai stati in una posizione migliore di quanto lo siamo oggi per prenderci cura dei nostri pazienti che convivono con l’HS”, ha affermato. “Come medici che si prendono profondamente cura dei nostri pazienti, questo è un momento gratificante per esercitare”.  


Fonte:

American Accademy of Dermatology Association

29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page